🥁 Omaggio agli Artisti, quelli veri, che non hanno età…

Iscriviti per ricevere una e.mail ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo!


Introduzione…

L’arte scuote dall’anima la polvere accumulata nella vita di tutti i giorni.
(Pablo Picasso)

Chi lavora con le sue mani è un lavoratore. Chi lavora con le sue mani e la sua testa è un artigiano. Chi lavora con le sue mani e la sua testa ed il suo cuore è un artista.
(San Francesco d’Assisi)

Un artista è uno che produce cose di cui la gente non ha alcun bisogno ma che lui – per qualche ragione – pensa sia una buona idea darle.
(Andy Warhol)

Con un’opera d’arte bisogna avere il comportamento che si ha con un gran signore: mettervisi di fronte e aspettare che ci dica qualcosa.
(Arthur Schopenhauer)

Introdurre un Artista non è mai facile e quindi è sempre opportuno che lo faccia un altro autorevole Artista!

scheda-gina-lollobrigida.jpg

La signora Luigia Lollobrigida, nota come Gina Lollobrigida o ancora Lollo, è diventata famosa attraverso i suoi film e tutt’oggi è ritenuta una delle più importanti dive non solo italiane ma internazionali, la sua è la stella numero 2628 fra quelle sul famoso boulevard (Hollywood Walk of Fame).

I ricordi di Gina Lollobrigida dal “The New York Time
“Mi domando cosa possono pensare i bambini della guerra. Io che sono cresciuta durante la Seconda guerra mondiale non potrò mai dimenticare le esperienze vissute. Con i miei genitori e tre sorelle vivevamo nella cittadina di Subiaco, nell’Italia centrale, a circa 80 km a est di Roma.
La nostra casa era un grande edificio, un vecchio albergo che era stato occupato dai tedeschi. A casa, quando sentivo i bombardamenti degli americani, mi nascondevo sotto un tavolo molto grande su cui venivano tagliati i tronchi di legno per il laboratorio di mobili di mio padre.”

Non tutti sanno che Gina è sempre andata dove la porta il cuore ♥️, da ragazza seguì la sua passione iscrivendosi all’Accademia di Belle Arti di via Ripetta a Roma e per pagarsi gli studi faceva caricature a carboncino sulla scalinata di piazza di Spagna.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La visione e la creazione delle sue opere, per Gina Lollobrigida, è proietta nella tradizione, una scelta coraggiosa in un momento di fioritura delle più disparate correnti avanguardiste.

La struttura plastica dei suoi lavori è improntata alla tendenza costante a rompere la staticità della materia e conferire, per mezzo della composizione, movimento alle forme nello spazio, senza mai dimenticare il suo vissuto, trasponendolo nella materia della scultura.

Sono ricordi nitidi che Gina Lollobrigida ha voluto rendere tangibili e fare in modo che l’indelebile opera delle sue pellicole cinematografiche 🎥 potesse diventare, seppure in minima parte, meno effimera.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ciò è particolarmente evidente nei lavori dove l’artista affronta il tema della danza, nel contrasto densamente espressivo tra le eleganti e possenti linee che scontornano la figura e la lieve stoffa degli abiti che sembrano mossi da refoli di vento 🌬.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Negli anni ’90 ha ripreso in pieno la sua attività di scultrice, che aveva trascurato per il cinema. Ha modellato più di sessanta sculture ❗, di cui alcune in marmo ed anche talune di grandi dimensioni.
Gina ha seguito tutte le fasi del lavoro nei laboratori e nelle fonderie di Pietrasanta: dall’idea, alla preparazione, al lavoro in creta e al ritocco delle cere fin alla fusione in bronzo. Ha lavorato personalmente alla finitura delle parti più delicate, manovrando come un esperto operaio frese e carte abrasive, fino alla doratura in oro a 24 carati di molte delle sue sculture, come detto, molte delle quali dedicate ad alcuni dei suoi personaggi cinematografici. Per anni, come tutti i veri artisti umili e riservati, ha tenuto gelosamente nascoste le sue opere.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Anche nelle composizioni statiche 🖌 (nei ritratti e nelle figure allongées) è sempre presente una sorta di sotterranea dinamica interiore, per così dire emotiva (recesioni, in parte, di Irina Antonova, Direttrice del Museo Puškin delle Arti Figurative di Mosca).

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fotografare 📷 è scoprire il mondo e sé stessi. È filtrare la realtà attraverso i propri sentimenti con creatività ed un po’ di fantasia”. Gina Lollobrigida

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fotografare è anche fermare per sempre il tempo ⏳ e non dimenticare mai il volto di un amico…

E poi il canto, ma questo è un’altra lunga storia… senti qui 💿

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.