Condominio SEMPLICE 🏢

RISPARMIARE NELLE SPESE CONDOMINIALI SI PUÒ, OTTENERE UN RISPARMIO DEL 30, 35, 40% NON È IMPOSSIBILE! ANZI, FATTIBILE!

La prima discriminante è data dal numero di condomini, l’articolo 1129 del Codice Civile, come modificato dalla riforma del condominio, indica:

Quando i condomini sono più di otto, se l’assemblea non vi provvede, la nomina  di un amministratore è fatta dall’Autorità Giudiziaria, su ricorso di uno o più condomini o dell’amministratore dimissionario”.

Quindi, se il condominio ha fino a otto condomini ci si può gestire bene da soli…

Come faranno a gestirsi i condomini senza amministratore, composti da otto o meno di otto condomini?

Nei condomini senza amministratore sarà necessario individuare una figura di facente funzioni (mandatario dei condomini) che si occupi della gestione del fabbricato. Saldare i fornitori, incassare le quote, rendicontare le spese. Senza la presenza di una soggetto fisico, che, adempia alle mansioni evidenziate sarà difficile gestire la quotidianità condominiale.

Ecco la seconda discriminante: tra i condomini c’è rispetto, fiducia, stima e accordo?

Se la risposta è  NO  —> correte subito a cercare un bravo amministratore!

Se la risposta è    —> allora via libera al risparmio!!!

⏰ Non è difficile, basta un po’ di organizzazione e (una volta a regime) un impegno di soli 30 minuti (max) a settimana.

COSA SI PUÒ FARE SE IL CONDOMINIO HA PIÙ DI 8 CONDOMINI? 

Non è tanto diverso,  il facente funzioni deve assumere il ruolo di amministratore a pieno titolo.

!COSA serve sapere:

1. L’amministratore interno deve essere un proprietario (ad esempio: la moglie o il figlio del proprietario non posso assumere l’incarico);

2. Deve assumere l’incarico a titolo gratuito,  con evidenza nel verbale di nomina;

3. L’amministratore per essere tale deve essere in possesso dei seguenti requisiti:

a) del godimento dei diritti civili; b) non aver subito condanne per delitti contro la pubblica amministrazione, l’amministrazione della giustizia, la fede pubblica, il patrimonio o per ogni altro delitto non colposo per il quale la legge commina la pena della reclusione non inferiore, nel minimo, a due anni e, nel massimo, a cinque anni; c) non essere sottoposto a misure di prevenzione divenute definitive, salvo che non sia intervenuta la riabilitazione; d) non essere interdetto o inabilitato; e) non risultare iscritto nell’elenco dei protesti cambiari; f) aver conseguito il diploma di scuola secondaria di secondo grado; g) aver frequentato un corso di formazione iniziale e svolgere attività di formazione periodica in materia di amministrazione condominiale.

La norma prevede due sole eccezioni per l’amministratore INTERNO: quelle di cui alle lettere f) e g).

👈 Rammentare che:

Il condominio, è tenuto a operare la ritenuta d’acconto sulle somme erogate a taluni soggetti. Dovrà: 1) applicare le ritenute d’acconto sui compensi erogati ai dipendenti condominiali; 2) applicare le ritenute d’acconto sui compensi erogati ai lavoratori autonomi per attività a favore del condominio (professionisti, agenti, mediatori ecc.); 3) tenere una contabilità specifica per i dipendenti condominiali (libro matricola e il libro paga relativamente al portiere); 4) quantificare le ritenute d’acconto sulle somme erogate; 5) versare le ritenute trattenute, a mezzo modello F24 all’amministrazione finanziaria, a seconda degli importi, entro il 16 del mese successivo a quello in cui si è effettuato il pagamento o entro il 30 giugno e il 20 dicembre di ogni anno; 6) rilasciare ed inviare ogni anno, la certificazione unica relativa ai redditi corrisposti nell’anno precedente; 7) presentare ogni anno la dichiarazione prevista per i sostituti d’imposta. Il modello 770 oltre alla certificazione unica.

Quali strumenti deve avere a disposizione l’amministratore interno?

– 💻 capacità di utilizzo Excel e Word

email e mailing list dei condomini

– 🏦 conto corrente online intestato al condominio

– 📑 un applicativo di condivisione dei documenti/fatture

A questo punto l’amministratore INTERNO può decollare! 🛫

📌 Ricordare alcuni aspetti importanti! 

– Registrazione dell’amministratore interno/referente all’Agenzia delle Entrate

– Tenuta dell’anagafe condominiale e registro dei fornitori

E il RISPARMIO??? 💱

RIDEVERE I CONTRATTI CON I FORNITORI E SE DEL CASO SOSTITUIRLI:

– 💡 ENERGIA (ELETTRICITÀ,  GAS, ACQUA) – per il cambio serve delibera assembleare…

–  🚀 ASCENSORISTA: attenzione, spesso alcune ditte ci “marciano”…

– 🗂 ASSICURAZIONE STABILE,  controllare i massimali, franchigie e premio! Spesso il premio non è congruo! Chiedete altri preventivi…

– 🛠 CONTRATTI DI MANUTENZIONE CALDAIA CENTRALIZZATA, rivederli con attenzione..

MAGGIORI APPROFONDIMENTI? CI SONO… CI SONO TANTI ALTRI CONSIGLI!

Scrivi e indicaci cosa ti interessa sapere o approfondire e integreremo questo articolo grazie alla tua richiesta! 🔍

CLICCA QUI 📧

Annunci